Assemblea degli abitanti del quartiere 167: dalle parole ai fatti, l’assemblea che condurrà alle elezioni del comitato

Si è tenuta sabato 26 ottobre 2013, presso la Parrocchia di San Vito, la seconda assemblea dei cittadini residenti nel “quartiere 167” con l’obiettivo di giungere alla costituzione del “Comitato di Quartiere”. L’assemblea si è svolta in una cornice di pubblico certamente ridotta rispetto alla precedente di tre settimane fa, ma lo scopo dato alla stessa, ha fatto si che si sia potuto giungere a definire alcuni passaggi operativi.

L’incontro è stato introdotto da Elena Magistro. È seguito l’intervento di Carlo Resta che ha illustrato la fase operativa in cui si trova il nascente comitato, proteso verso le elezioni dei rappresentanti. In questa fase il ruolo del comitato promotore, composto da Alessandro De Rosa, Gianni Fraccalvieri, Filippo Procino, Carlo Resta, Michele Galasso e Valerio Passerotti, è quello di condurre alle elezioni, subito dopo saranno i rappresentanti eletti dai residenti nel quartiere a svolgere per i primi anni il ruolo di componenti del comitato.

È seguito l’intervento dell’arch. Daniela De Mattia. La “167”, ha chiarito Daniela, dal punto di vista urbanistico viene inquadrata dal 1976, anno in cui è stato realizzato il P.R.G (Piano Regolatore Generale) del comune di Gioia del Colle. Caratteristiche salienti di questo quartiere sono quelle di avere una buona distribuzione teorica tra servizi, residenze e zone agricole. Negli anni l’edificazione è stata progressiva, disomogenea e oggi il quartiere si inserisce in un contesto urbano da mantenere e riqualificare, soprattutto le zone limitrofe agricole.

Negli ultimi anni è stato applicato al quartiere 167 lo strumento urbanistico del P.R.U. (Piano di recupero urbano) con particolare riguardo alla urbanizzazione secondaria, oltre al completamento delle zone residuali. Alcune delle volumetrie e soluzioni previste in origine ora non sono più realizzabili per cause di natura diversa. Il territorio che separa il quartiere dal resto della città  appare di grande interesse per la realizzazione di una integrazione tra le diverse realtà. La speranza  che si passi ad una programmazione partecipata degli interventi potrebbe assumere un grande interesse per lo sviluppo, l’integrazione e la valorizzazione del quartiere stesso. Oggi la nostra amministrazione pubblica sta affrontando il tema del P.U.G. (Piano Urbanistico Generale) che sostituirà il P.R.G. Siamo nella fase della pianificazione iniziale per cui la nascita di un comitato di quartiere potrebbe costituire un segnale positivo per tutti.

Il sottoscritto ha poi chiarito il ruolo del movimento PRO.DI.GIO. in questa fase di nascita del comitato di quartiere, nonché la necessità che i rappresentanti che si candideranno per le elezioni abbiano le caratteristiche citate nel volantino, ovvero: maggiore età, disponibilità di tempo da dedicare all’impegno nel comitato, residenza nel quartiere, non rivestire cariche politiche e/o di rappresentanza.

Sono seguiti alcuni interventi dei presenti, da cui è emerso, in particolare, che uno dei problemi che vedrà prontamente impegnato il neo comitato, sarà il “P.R.U.”, strumento urbanistico fortemente ridimensionato in corso d’opera ed il cui completamento sembra molto incerto. Altro elemento che lascia perplessi i residenti sembra essere l’erigendo centro diurno polivalente realizzato anche con i fondi del Piano di Zona dei servizi sociali.

Ha ribattuto Carlo Resta il ruolo che il comitato dovrà avere nel rappresentare le istanze dei residenti nello stile di una cittadinanza sempre più attiva, sostegno concreto al sistema democratico-rappresentativo attuale.

Conclusioni di Elena Magistro che ha sottolineato anche il ruolo educativo del comitato di quartiere che potrà rappresentare nel suo ambito un momento in cui anche le generazioni diverse si possano incontrare e, nel reciproco scambio, si possano educare a vivere il proprio territorio con passione e matura sagacia e freschezza creativa giovanile.

L’assemblea si è quindi conclusa con l’impegno di raccogliere, entro il 6 novembre p.v. le candidature all’elezione dei rappresentanti del comitato. Nei prossimi giorni il comitato costituente raccolte le candidature, provvederà a stabilire data,  luogo e modalità di svolgimento delle elezioni. Buon lavoro ai costituenti e un vivo augurio ai cittadini della “167” a candidarsi ed a vivere con entusiasmo questo momento bellissimo e di grande partecipazione … dal basso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...