Molto rumore…per nulla

Nella giornata di mercoledì 29 novembre, presso il Comune di Gioia del Colle, ha avuto luogo l’incontro tra Navita SrL e Sindacati, alla presenza dell’Amministrazione comunale che ha avuto sia il ruolo di garante dell’accordo stipulato il 19 luglio scorso sia il compito di facilitare il dialogo tra le parti.

L’accordo di luglio prevedeva che la società Navita assumesse i 34 dipendenti ex SPES alle medesime condizioni economiche e normative del CCNL Utilitalia, rispetto al CCNL FISE.

La Navita SrL ha continuato ad applicare il CCNL FISE, che è il contratto regolarmente applicato nelle aziende private di settore e ha iniziato una trattativa con i Sindacati affinché si potessero raggiungere le stesse condizioni contrattuali previste dal CCNL Utilitalia, pur continuando ad utilizzare il CCNL FISE. I Sindacati hanno, invece, insistito affinché venisse rispettato l’accordo sottoscritto a luglio.

Ecco quindi che è iniziata una trattativa tra le parti, azienda e sindacati, in cui l’amministrazione non può che avere un ruolo terzo e di mediazione, che ha portato allo stato di agitazione dei dipendenti e all’incontro di mercoledì 29, conclusosi con l’impegno da parte datoriale di applicare il CCNL Utilitalia e con il conseguente ritiro dello stato di agitazione dei lavoratori.

L’incontro è servito anche a chiarire tutta una serie di polemiche, strumentali, partite, in queste ultime settimane, dai Consiglieri di minoranza, che avevano avuto ad oggetto la questione delle retribuzioni, degli straordinari e di eventuali penalizzazioni che gli ex dipendenti SPES avrebbero subito in seguito all’applicazione del CCNL FISE. Affermazioni smentite, proprio durante l’incontro, sia dai sindacati che dalla società. Gli stessi dipendenti si sono scusati per i toni.

Occorre, infatti, chiarire che da un confronto tra i due CCNL, FISE ed Utilitalia, non emergono differenze sostanziali negli elementi essenziali. Solo per citarne alcuni, entrambi prevedono la medesima durata dell’orario normale di lavoro, pari a 38 ore settimanali, la maggiorazione del lavoro straordinario è identica, ad eccezione del lavoro straordinario diurno feriale che prevede una leggerissima differenza tra i due contratti, identiche le maggiorazioni per lavoro festivo, identici i giorni di ferie e la periodicità degli scatti di anzianità, triennali. Ci sono delle differenze per le ore di permessi sindacali retribuiti e la retribuzione è leggermente più alta nel CCNL Utilitalia, ma con gli aumenti periodici previsti nei prossimi anni si sarebbero comunque equiparate. In ogni caso l’azienda avrebbe subito armonizzato le differenze.

La vicenda si è chiusa quindi con un incontro che ha visto un dialogo costruttivo e propositivo, quello che purtroppo è mancato in queste settimane.

 

Coalizione “Un Impegno…in Comune”

Movimento Pro.di.Gio. e Movimento Solidarietà e Partecipazione

loghi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...