Gioia dell’Arte

GIOIA DELL’ARTE
Street Art a Gioia del Colle

Premessa
Il decoro urbano e la qualità degli spazi pubblici saranno al centro dell’operazione di rigenerazione dell’immagine della città di Gioia del Colle. […] L’arte è una chiave. Apre nuovi mondi, ci migliora profondamente, ci aiuta a cambiare punto di vista e ad avere un approccio diverso alla realtà, ci permette di crescere accompagnandoci in ogni fase del nostro percorso.

[Programma Elettorale
Coalizione Un Impegno…in Comune 2016]

Il progetto Gioia dell’Arte è un ambizioso programma di opere culturali dalle molteplici valenze, tra cui il decoro urbano e l’integrazione sociale. L’idea nasce dalla volontà di valorizzare artisticamente il territorio tramite il recupero e la creazione di opere d’arte a cielo aperto.

Iniziative passate

Nel 2013, per iniziativa di un libero cittadino e con il supporto dell’Amministrazione Comunale, il centro storico è stato animato dalla manifestazione “Le porte dell’Imperatore”, iniziativa svoltasi per due edizioni e quest’anno ripresentata in forma più contenuta con “I frammenti dell’Imperatore”. Manifestazioni che, attraverso le decorazioni artistiche di porte concesse da privati cittadini, hanno trasformato il nostro centro storico, che versava in una situazione di degrado, in un museo a cielo aperto.

Gioia del Colle (BA) – Le Porte dell’Imperatore (locandina)

Il centro storico, grazie anche alle donazioni scultoree dell’artista Vacca, è divenuto fortino di un’arte dal sapore medievale, che bene si sposa con il territorio che ospita il castello normanno-svevo, riposo di caccia dell’Imperatore Federico II.


Gioia del Colle (BA) – Le Porte dell’Imperatore (centro storico)

Progetto

Partendo da questa idea di museo a cielo aperto, il progetto Gioia dell’Arte prevede uno sviluppo del territorio in settori, che ospiteranno interventi sul territorio, da svolgersi a cadenza annuale, attraverso il recupero delle opere murali già presenti e la creazione di nuove, pensate come omaggio alla storia dell’arte mondiale e al diffuso fenomeno dello street art.


Gioia del Colle (BA) – Porzione centrale della città (orto foto)

Come illustrato nell’immagine, sono previsti due anelli concentrici che si sviluppano a partire dal nucleo del centro storico. Quest’ultimo sarà, come già detto, sede dell’arte a tema medievale e vedrà sul suo limite la presenza della Pinacoteca comunale. L’anello più esterno ospiterà opere di street artist esperti nel campo del muralismo. Gli interventi saranno effettuati su pareti pubbliche o private previo consenso del proprietario.

Miami (U.S.A.) – Behind the Curtain (Martin Whatson – 2015)

New York (U.S.A.) – 2create (Yoav Litvin – 2016)

L’anello di congiunzione tra periferia e centro storico sarà invece sede di repliche dei capolavori mondiali dell’arte, offrendo la possibilità di godere, ad esempio, di una fedele riproduzione o di una reinterpretazione di un Picasso, o di un Van Gogh durante una passeggiata per le vie cittadine.

Florida (Uruguay) – riproduzione del Guernica di Picasso (Jorge Romero – 2015)

Venice Beach (U.S.A.) – riproduzione di “Night Visions” di Vincent Van Gogh (2013)

Tali interventi saranno realizzati da studenti delle scuole del territorio, coadiuvati dagli insegnanti di storia dell’arte. Preliminarmente a queste azioni deve essere, tuttavia, preservato il patrimonio muralistico già esistente, ad esempio, nelle zone di via Romano o via Riondino, attraverso un’azione di restauro o con nuovi interventi.

GRI.DA.S.

Fondamentale è il recupero del patrimonio GRI.DA.S. presente a Gioia del Colle.

GRi.DA.S. è un’associazione napoletana fondata da Felice Pignataro, pugliese di nascita ma trapiantato a Scampia. L’artista scomparso nel 2004, che ha prodotto durante la sua attività più di 200 murales, è stato definito dallo storico dell’arte Ernst Gombrich, del Warburg Institut di Londra, “il più prolifico muralista del mondo”. Le opere di Pignataro sono presenti nei seguenti siti:

–      Tromba delle scale del palazzo dei Servizi Sociali di Via Arciprete Gatta (buono stato di conservazione)
–      Via Giovanni XXIII, (in parte recuperato)
–      Via Regina Elena (sito da sottoporre ad interventi di recupero)


Gioia del Colle (BA) – GRi.DA.S. (via Papa Giovanni XXIII – 1997)

Gioia del Colle (BA) – GRi.DA.S. (via Regina Elena – 1997)

L’attuale stato dei luoghi di quest’ultimo lavoro in via Regina Elena appare notevolmente danneggiato e logorato sia dal tempo che dall’incuria e dal vandalismo.


Conclusioni

Si richiede al Comune di Gioia del Colle di rendersi promotore di questa iniziativa, che bene si lega alle tematiche di recupero dei beni comuni e alle iniziative finalizzate all’ottenimento dello status di Città d’Arte, allestendo tavoli tecnici aperti agli operatori del settore per stabilire modalità di azione e tempistiche, nonché la sussistenza economica della stessa.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...