La Politica che opera nell'interesse di pochi e non per l'intera collettività

Qualche giorno fa ho ricevuto una telefonata che mi informava dell’arresto del Sindaco e di altri amministratori. Non ho voluto credere a quello che mi veniva detto, per cui ho atteso altre informazioni per essere certo di quello che si stava delineando: più di quanto avrei mai potuto immaginare. Era proprio vero! Il nostro Primo Cittadino era stato arrestato per reati contro la Pubblica Amministrazione.

Passato il primo momento di disorientamento, ho iniziato a chiedermi quale sarebbe stato il futuro di Gioia e della politica che la realtà gioiese sarebbe stata in grado di esprimere. Se saremmo stati in grado di ricostruire l’indispensabile rapporto di fiducia con i cittadini. La frase che purtroppo mi capita di sentire sempre più spesso e che mi provoca un profondo disagio è “Tanto sono tutti uguali, si presentano come novità e poi diventano come gli altri”. Verrebbe voglia di lasciare le cose come stanno, non impegnarsi ed aspettare che altri decidano di intervenire sperando che si comportino meglio dei predecessori. Ma non è così, non deve essere così!

Io rappresento, con grande onore, da circa due anni, il Movimento PRO.DI.GIO. che ha tra i suoi obiettivi il coinvolgimento della collettività. La nostra parola d’ordine è “PARTECIPAZIONE” senza la quale la politica “interessata” può permettersi di  perseguire i propri “obiettivi” non tenendo conto degli interessi generali. Purtroppo negli ultimi anni i risultati elettorali hanno permesso ai “soliti noti” di governare la Città, individui che hanno dimostrato più attenzione agli interessi di pochi che a quelli della collettività.

Mi riferisco, in particolare, all’annoso problema delle zone F, alla chiusura del passaggio a livello (che ha diviso in due la Città, senza una soluzione che potesse soddisfare i cittadini residenti oltre il fascio ferroviario), ad opere avviate, pur di disporre dei finanziamenti, non concluse o non attivate (Centro Minori ed Anziani, Centro Dopo di Noi) ed abbandonate perché incomplete. Importante era disporre dei finanziamenti regionali per permettere alle solite ditte di procurarsi gli appalti, senza quella naturale attenzione alla ottimizzazione delle risorse destinate a tutti.

Ora, purtroppo, non è il caso di pensare a quello che non è stato fatto, ma a quello che dovrà essere fatto prima possibile.

Chiedo al Sindaco di porre fine a questo stillicidio, di dimettersi e permettere alla Città di avviare una fase politica nuova, di permettere ai cittadini di riappropriarsi della DEMOCRAZIA.

Noi di PRO.DI.GIO., rispettosi delle regole, non condanniamo nessuno, questo è compito della Magistratura. Nessuno può, però, impedirci di valutare politicamente quello che è successo ed il comportamento tenuto da questa Amministrazione.

L’aver il Sindaco voluto a tutti i costi dare fiducia ad alcuni personaggi già oggetto di indagini penali, non aver predisposto per tempo la rotazione di alcuni Funzionari molto chiacchierati, l’aver difeso a spada tratta l’esternalizzazione dei tributi, l’aver difeso errori e manchevolezze della struttura amministrativa (oneri di concessione non riscossi, mancato recupero delle somme per la concessione del Macello Comunale, errori nell’affidamento di appalti, errori relativi a concessioni edilizie dichiarate illegittime) ci obbliga a considerare questa Amministrazione incapace di perseguire gli interessi dei cittadini. Per questo faremo tutto il possibile per ottenere la sua decadenza.

Noi chiediamo le dimissioni del Sindaco e della Giunta (dove sia stata in questi anni non ci è dato sapere) per quello che non hanno fatto o per quello che hanno fatto male e potevano fare meglio. L’arresto non è che un ulteriore aggravante. L’unico modo per ridare credibilità a questa Città è di lasciare che i Cittadini decidano per un nuovo futuro.

 

Il Presidente del Movimento PRO.DI.GIO.

Pierluigi Mancino

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...