U

Il comizio è stato aperto da Donato Colacicco e Pierluigi Mancino che hanno sottolineato l’importanza, per ciascuno di noi, non solo di partecipare alla vita politica, ma di informarsi per poter svolgere, in modo consapevole quel ruolo di controllo sull’azione amministrativa posta in essere dal Comune, che ogni cittadino dovrebbe sentire come un proprio dovere, trattandosi di attività che ha come fine la gestione della cosa pubblica.

Subito dopo hanno preso la parola i due consiglieri, che hanno tenuto i loro interventi dialogando e confrontandosi sui risultati che la loro azione di opposizione in consiglio comunale sta portando alla cittadinanza.

Hanno parlato della loro amicizia, del sostegno reciproco che ha aiutato entrambi a non sentirsi isolati, per poi proseguire la conversazione sui problemi legati al piano regolatore di Gioia del Colle vecchio di 40 anni, alle zone F, ai conflitti d’interesse, alla necessità che la legalità è condizione indispensabile per un sano e duraturo sviluppo della città.

Ha chiuso l’incontro Francesco d’Aprile, coordinatore di Solidarietà e Partecipazione, che ha espresso in modo chiaro ed incisivo il punto di vista delle nuove generazioni sul significato di fare politica.

 

Gioia del Colle: la nuova Repubblica delle banane

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...